Regolamento per i rimborsi interni
(approvato dal Consiglio Direttivo, online, 2/12/2019)

 
[inizio del documento]
Questo Regolamento disciplina, in via transitoria, i rimborsi dovuti ai soci per le missioni da essi sostenute nell'interesse della Federazione. Le cariche rivestite dai soci non sono retribuite.
  1. Il rimborso, a qualunque titolo, deve essere autorizzato dal Presidente o dal Vicepresidente, o dal Coordinatore dell’Accademia, secondo competenza.
  2. L’autorizzazione può essere preventiva con indicazione del tetto di spesa.
  3. Il Presidente e il Coordinatore dell’Accademia non hanno bisogno di autorizzazione, ma devono comunicare la missione all’Amministratore.
  4. Le autorizzazioni e le comunicazioni, preventive o successive, devono risultare per iscritto all’Amministratore, che su richiesta le fornirà ai Consiglieri richiedenti.
  5. L’Amministratore procede al rimborso dopo la presentazione di una nota spese conforme al modello da lui fornito, secondo le specifiche seguenti:
    a. Sono rimborsate a piè di lista le spese di trasporto con mezzi pubblici - treno in seconda classe e senza supplementi o bus - per missioni fatte fuori dal territorio comunale di residenza. Al di fuori del Comune di residenza sono altresì rimborsate a piè di lista le spese di pernottamento, laddove presente, e dei pasti, giustificate da ricevute fiscali, possibilmente intestate alla Federazione, limitatamente ai giorni in cui è stata richiesta la prestazione fornita per la Federazione. In ogni caso il rimborso a piè di lista non può eccedere la cifra di euro 80,00/die per pasti e pernottamento. Tutte le ricevute di cui sopra devono essere prodotte in originale e non in fotocopia.
    b. Su richiesta del Socio, sono rimborsate le spese di trasporto con mezzo privato, in ragione di 0,30€/km omnicomprensivi (carburante, pedaggi, parcheggi, etc.), ovvero di 0,50€/km in caso di uso di furgone o di veicolo con rimorchio, utilizzato per giustificati motivi.
    c. Il Socio in missione, al di fuori del comune di residenza, può chiedere un rimborso forfettario delle spese di vitto e alloggio pari a 60,00 euro/die, in alternativa al rimborso a piè di lista di cui al punto a.
  6. I rimborsi di cui ai punti precedenti valgono anche per i Tecnici impegnati in corsi federali autorizzati dall’Accademia.
[fine del documento]